domenica 22 aprile 2012

Dell'arte, della creatività e della maglia

Qualche tempo fa in ufficio m'è capitato di ascoltare un tizio che assieme ad altre due colleghe affermava senza vergogna che gli uomini sono più creativi delle donne...

Ovviamente ad una tale bestemmia mi si sono rizzate le orecchie e sono intervenuta a pesce affermando semplicemente "è falso..."

L'argomentazione portata dal tizio (sciovinista maschio e anche ignorante) era ovviamente l'esistenza di Leonardo da Vinci e Michelangelo (manco l'avesse dipinta lui la Cappella Sisitina...) e la mancanza di geni donna paragonabili, attribuendo perciò il fenomeno ad una "mancanza" nella femmina e non alla realtà dei fatti: emergere per le donne  è molto più difficile, specialmente ai tempi di Leonardo e Michelangelo.

A questo punto ho iniziato ad elencare una serie di artiste e la prima che mi è venuta in mente è stata Frida Khalo cui dedico questo post, specie dopo aver visto il quadro della riproduzione qui sotto.


Dona Rosita Morillo (1944)

Qui un filmato con la galleria di immagini dalle sue opere.




Inutile dire che non sono riuscita a fare il terzo nome che il tizio mi ha apostrofata con un "ah....ho già capito...", ha girato i tacchi e se ne è andato convinto nel suo cervello (cervello?) di avere a che fare con una veterofemminista cui non valesse neanche la pena rivolgere la parola, dimostrandomi senza ombra di dubbio che la madre degli stolti è sempre incinta.

Perciò questo è un omaggio a tutte le donne più o meno creative, più o meno note e in definitiva a tutte le donne, la metà del cielo creativa di questo universo mondo, e che continuamente si spendono per renderlo migliore o almeno un po' più bello.

9 commenti:

  1. Una donna è in grado di creare la vita, di dare la vita ad un'altra persona: conosci una potenza creativa maggiore?
    Buona domenica.
    ArteMamma
    :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' per questo che dedico il post a tutte le donne: fare un figlio è il massimo atto creativo e su questo gli uomini hanno ben poco da dire...
      (e detto tra noi se dovessero partorire loro saremmo già estinti da un pezzo)
      :D

      Elimina
  2. Si veda anche qui
    http://www.youtube.com/watch?v=kV_pDJ7PlcI

    Da leggere:

    Simon Baron-Cohen
    Questione di cervello
    Mondadori

    (su internet si trova a metà prezzo nei remainders nemmeno 9 euro)

    Qui si trova una descrizione del contenuto del libro
    http://www.macrolibrarsi.it/libri/__questione_di_cervello.php

    che non è un blabla sull'aria fritta, ma un saggio serio su quello che si sa scientificamente sulla differenza tra funzionamento del cervello maschile e femminile.

    L'autore non è un Pincopallo qualunque:

    da it.wikipedia
    Simon Baron-Cohen (15 agosto 1958) è uno psicologo britannico.

    È professore di psicopatologia dello sviluppo presso il dipartimento di psichiatria e psicologia sperimentale e direttore del Centro di ricerca sull'autismo dell'università di Cambridge, dove è inoltre membro del Trinity College. È conosciuto soprattutto per il suo lavoro sull'autismo.
    Inoltre è il fratello del cineasta Ash e cugino del comico Sacha Baron Cohen.

    RispondiElimina
  3. Che donna Frida! ce ne vogliono di uomini per fare una come lei!!

    RispondiElimina
  4. A proposito dell'argomento, proprio in questi giorni ho finito di leggere il libro "Sii bella e stai zitta" di Michela Marzano. Lo consiglio vivamente, per rendersi conto, se non altro, della dura strada che le donne hanno dovuto percorrere (e la cosa non è ancora finita, purtroppo!)per acquisire diritti, appannaggio esclusivo del genere maschile. Dico, ma ai tempi di Leonardo e di Michelangelo, cosa era permesso di fare alle donne? Risponda il "bel tipo" in questione!
    Un abbraccio a tutte le donne, creative e non!

    RispondiElimina
  5. le donne creative sono talmente tante che non si riesce ad elencarle tutte mentre gli uomini creativi sono rari, talmente pochi che per forza sono diventati dei geni e si possono nominare....
    MGrazia

    RispondiElimina
  6. Soltanto da pochissimo tempo le donne sono menbri attivi nella società al pari (più o meno) degli uomini. Non stanno più un passo indietro e possono dimostrare ciò che valgono. Se guardiamo al passato non troveremo una donna che abbia potuto dimostrare di poter eguagliare Michelangelo, ma d'ora in avanti gli uomini siano in guardia!
    Soprattutto quelli più stupidi!
    :)

    RispondiElimina
  7. Frida Calo era un'appassionata di lavoro a maglia
    è un personaggio straordinario
    che mi ricorda tanto la mia mamma
    sono molto belle le tue parole

    RispondiElimina

Loading...