lunedì 2 marzo 2015

Metroknit

In questo post vi segnalo la simpatica intervista fatta da Radio DJ a Cristiana, Fiorella e Federica e la bellissima iniziativa da loro organizzata a cui siete tutti invitati.

Un ideale filo rosso, la linea Metropolitana, unirà sabato 7 marzo 2015 il gruppo Knit del Lingotto - Torino alle Donne ai Ferri Corti - Collegno con la partecipazione del gruppo Knit di Wool Crossing

Ed ecco a voi il primo



Il primo knitting in  viaggio in metropolitana






Per ascoltare l'intervista cliccate qui  LA BOMBA -RADIO DJ


----@----

mercoledì 4 febbraio 2015

Tweed

Durante le ultime vacanze al mare, gironzolando per i viottoli della Liguria, in una piccola merceria, ho trovato un gomitolo solitario che ho prontamente adottato.

Con il gelo di fine anno è venuto il momento di utilizzarlo per rinnovare il parco berretti del maritozzo.

Si tratta di un filato della Laines du Nord, Holiday Tweed, contiene dell'acrilico e della viscosa ma complessivamente mi è piaciuto, morbido e consistente, piacevole da lavorare e molto adatto per un capo maschile.





Il modello è molto semplice, ispirato allo Strib Hat ma realizzato top-down.

Il marito ha apprezzato ed indossato.


During the last beach holidays, wandering the lanes of Liguria, in a small yarn shop I found a lone ball which I promptly adopted.

With the cold end of the year is the time to use it to renew the husband's hats 

It is a Laines du Nord yarn , Holiday Tweed, contains acrylic and viscose but overall I liked it, soft and consistent, pleasant to work with and very suitable for a man's garment.

The model is very simple, inspired by the Strib Hat but built top-down.

My husband appreciate it and worn it immediately

venerdì 30 gennaio 2015

Dudù gialli e blu

I Dudù sono dei piccoli pupazzetti che Cuore di Maglia, grazie all stuolo di volontarie che con amore li confezionano, dona ai reparti Tin degli ospedali.




Hanno avuto un enorme successo e sono richiestissimi.
Sono stati testati, modificati, riadattati per soddisfare le particolari esigenze dei bambini nati pretermine nei loro primi momenti di vita, già così difficili, e dei loro genitori.



Un Dudù viene affidato alla mamma che deve tenerlo vicino a sè affinchè si impregni del suo odore, dopodichè viene posto nella culletta assieme al bimbo. In questo modo il bimbo può completare la sua esperienza sensoriale sentendo anche il profumo della mamma.

Devono essere realizzati con un filato morbido e naturale, sia il cotone che la lana vanno bene.
La testolina è meglio che sia piatta in modo che non dia fastidio mentre si dorme, sono preferibili i coniglietti perchè hanno le orecchie lunghe e confezionati con le zampette dato che così sono più facili da prendere.

Qui potete trovare il pattern bunny blanket buddy
Here you can find the pattern

The Dudù are small dolls that Cuore of Maglia, thanks to the crowd of volunteers who knit them with love, gives to the NICU of hospitals.
They have been extremely successful and are in high demand.
Were tested, modified, adapted to meet the special needs of preterm infants in their first moments of life, already so difficult, and their parents.
Dudu is given to a mother who has to keep it close to himself for give it her
smell, therafter is placed in the cradle with the baby. In this way the child can complete his sensory experience feeling his mother's scent.
It must be made with a  soft and natural yarn, both cotton and wool are good.
Its head is better that it is flat so it does not bother you while you are sleeping, the bunnies are preferable because they have long ears and packaged with the paws since so they are easier to take.

Torta burek doppio ripieno

I burek sono degli involtini di pasta sfogliata con diversi ripieni e sono un tipico antipasto della Turchia e, con nomi differenti, di diversi paesi del vicino oriente.
Per realizzarli occorre una pasta sottilissima che si chiama brik (Tunisia) o fillo (Grecia) di non semplice reperimento.
Facendo la spesa la scorsa settimana nel mio abituale supermercato l'ho trovata e così ho deciso di provarla.

Ho scartabellato un po' su internet per farmi un'idea dei diversi usi cui si presta questa pasta , mi sono ingegnata e vi propongo qui la mia ricetta personalizzata

Torta burek al doppio ripieno

Ingredienti:
una confezione di pasta fillo
100 gr formaggio feta
100 gr ricotta
400 gr di biete o erbette
400 gr. di patate
1/cipolla
100 gr. di prosciutto cotto tagliato spesso
1 uovo
menta secca
formaggio pecorino
olio evo
burro
sale



Procedimento.
Preparate i due ripieni:
Ripieno 1: cuocere al vapore le biete con la mezza cipolla, nel frattempo sbriciolare il formaggio feta, mescolarlo con un uovo sbattuto, un pizzico di sale ed un pizzico di menta (facoltativo). Una volta tenere tritare grossolanamente le biete con un coltello e mescolarle con il composto di formaggio.
Ripieno 2: pelare e lessare le patate, tagliare il prosciutto a dadini. Una volta cotte schiacciare le patate in una terrina, mescolare la ricotta, aggiungere il prosciutto a dadini, una grattata di pecorino e un pizzico di sale.
A questo punto stendere su un ripiano i fogli di pasta fillo, spennellare un foglio alla volta con olio evo, piegarli in due, spennellare nuovamente, stendere una parte del ripieno e arrotolare formando un involtino. Procedere in questo modo fino a terminare tutti gli ingredienti.
Posizionare gli involtini in una teglia per lasagne, cospargere con formaggio pecorino grattugiato, ricoprire con un foglio di pasta e spennellare con burro fuso.

lunedì 26 gennaio 2015

Pusterthal, i guanti

Per la prima volta ho provato a realizzare dei guanti con le dita e l'ho deciso quando ho sperimentato la lana Opal Surprise, con la quale ho realizzato l'omonimo basco.

Oltre ad avere degli splendidi colori è bellissima da lavorare, elastica e calda.
Insomma un signor filato! Con 100 gr si fanno sia il berretto che i guanti, usando i ferri n. 3.







Ne ho scritto anche il pattern ed una gentile knitter l'ha testato. Ho dato al modello dei guanti lo stesso nome del berretto, Pusterthal, dedicato alla mitica valle delle Dolomiti.



For the first time I tried to make gloves with fingers: I decided it when I experienced the wool Opal Surprise, with whom I made the eponymous tam.
Besides having such the beautiful colors is wonderful to work with, it is soft and warm.
In short, a beautiful yarn! With 100 gr you make  both beret and gloves, using needles n. 3.
I have also written the pattern and a kind knitter has tested. I gave to the model of gloves the same name of his cap, Pusterthal, dedicated to the legendary  Dolomites  Valley

lunedì 19 gennaio 2015

Zigzag

Prima di Natale, in un mercatino natalizio, ho comprato una delle matasse di Flipbrat, 100% lana merino tinta a mano, di questo bel colore blu per fare un nuovo scaldacollo ad Elena.






Ho scelto uno schema semplice con un motivo a zigzag che ha il grosso pregio di essere reversibile e semplice da lavorare sia in piano che in tondo.
Ho avviato 108 maglie, multiplo delle 12 maglie dello schema.




Ho usato i ferri n. 4 ed il lavoro è risultato compatto, morbido e caldo.




Per aggiungere una piccola variazione a quello che risulta essere un semplice tubo, ho lasciato uno spacchetto sul bordo aggiungendo 4 maglie lavorate a legaccio.

Lavorato, indossato!

Before Christmas, in a little local Christmas market, I bought one of the skeins of Flipbrat, 100% merino wool hand-dyed, in a beautiful blue color to knit a new neck warmer to Elena.
I chose a simple zigzag pattern that has the big advantage of being reversible and easy to work flat or in the round.

I cast on 108 stitches, a 12 multiple pattern.
I used needles n. 4 and the work was compact, soft and warm.
To add a little variation in what appears to be a simple tube, I left one rip on the edge, adding 4 stitches worked in garter stitch.

Knitted and weared!

martedì 13 gennaio 2015

Foglie d'inverno - Winter leaves

Oggi pubblico un progetto che ho finito a Natale ma che sono riuscita a fotografare solo ora.

Si tratta di un lavoro che mi ha fatto tribolare: nato come top-down (che ho disfatto e riavviato diverse volte), una volta terminato non è venuto come volevo, ne ho perciò disfatto lo sprone, ho ripreso i punti e l'ho rifatto bottom-up.

Il filato mi è piaciuto molto: misto alpaca con del dralon è robusto, caldo e soffice. L'ho utilizzato doppio con i ferri n. 4,5 perchè era molto sottile .

Il motivo è traforato a foglie, da cui il nome che ho scelto per questo modello.



La spalla è raglan e mi sembra di essere riuscita a far combinare il motivo a foglie con le diminuzioni per la spalla.





Per queste immagini ho dovuto strapregare Elena che non voleva prestarsi a queste angherie cui la sottopongo: ed il maglioncino è per lei!




Spero che vi piaccia!


Today I public a project that I finished at Christmas but I was able to photograph just now.
It is a job that   it  went to a lot of trouble to get it: it was a top-down (which I frogged and cast-on again several times), once finished not as I wanted, so I frogged the yoke, I took the stitches and I remade it bottom-up.
I really liked the yarn: alpaca blend with the dralon is robust, warm and soft. I used it doubled with knitting needles no. 4.5 because it was very thin.
The shoulder is raglan and I seem to have managed to combine the leaves with the decreases for the shoulder.

The pattern is lace leaves, hence the name I chose for this model.
For these images I had to implore Elena who did not want to undergo to these vexations which I submit her: and the sweater is for her!

I hope you enjoy it!


Loading...