domenica 9 agosto 2015

Umbria

E dopo le settimane al mare dedico questo post al resto della nostra vacanza: un giro dell'Umbria, che non avevamo ancora visitato assieme ad Elena.

Ci siamo sistemati a Perugia, bellissima città, e da lì siamo andati a visitare gli altri bellissimi borghi della regione "Cuore verde d'Italia".

Perugia e la Fontana Maggiore

Assisi - Basilica di San Francesco
A Spoleto abbiamo trovato questo modernissimo sistema di spostamento ettometrico, dotato di ascensori e tapis-roulant, che consente di spostarsi per tutto il centro storico e che speriamo si conservi sempre efficiente e pulitissimo come l'abbiamo trovato.

Spoleto - Metro-a-piedi-politana


Spoleto - La Cattedrale
Siamo andati anche a visitare il Lago Trasimeno, con una puntata ad una delle sue isole, dove non eravamo mai stati.

Lago Trasimeno - Isola Maggiore
Ad accoglierci allo sbarco abbiamo trovato questa simpatica "Libreria senza libraio"

Isola Maggiore 

Ed anche per quest'anno le mie vacanze estive sono terminate e purtroppo ora siamo rientrati, mi riservo però di godermi ancora qualche gita fuori porta.

Ringrazio il maritozzo che ha contribuito con alcuni suoi scatti insoliti.


3 commenti:

  1. da buona umbra, trapiantata a piacenza ormai da tanti anni, ti posso dire che l'umbria e' sicuramente una delle piu' belle regioni d'italia, trovi tutto (tranne il mare) ad appagarti gli occhi, ti consiglio anche di vedere la parte piu' bassa a scendere tra cui todi, norcia, cascia, e, perche' no!! la mia cittadina antichissima.. narni, resa famosa dalle cronache di narnia (sai che il leone esiste veramente? lo ha trovato mio nonno nel suo orto e donato al museo)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per questo tuo intervento, spiegami meglio la faccenda del nonno che mi incuriosisce :)
      A Norcia e Cascia ci siamo stati tanti anni fa io e mio marito

      Elimina
  2. circa 70/75 anni fa, mio nonno aveva un orto sotto casa, intanto trovava continuamente delle monete romane (narni- roma sono vicine e narni era una tappa obbligatoria per le signore di allora che dovevano "sfornare" figli illeggittimi per abbandonarli presso l'orfanotrofio e far ritorno a casa "come nulla fosse"), trovo' anche questo grosso leone in marmo che fu portato alla luce e consegnato al comune di narni, restando la' in un angolo per tantissimi anni, l'ho poi ritrovato, tutto bello ripulito nel museo appena dietro al palazzo comunale, proprio nell'ingresso. ora non so se un legame esista tra questo leone di narni (che anticamente si chiamava Narnia) ed il racconto di Lewis
    Origine del nome[modifica | modifica wikitesto]
    Il nome Narnia deriva da Narni, città italiana in Provincia di Terni che in latino si chiamava appunto Narnia. Lancelyn Green scrive:

    Assisi. »
    (IT)
    « Quando Walter Hooper chiese a Clive Staples Lewis dove avesse trovato la parola 'Narnia', Lewis gli mostrò il Murrey's Small Classical Atlas a cura di G.B. Grundy (1904), che aveva acquistato quando stava leggendo i classici con Mr. Kirkpatrick a Great Bookham [1914-1917]. Sulla tavola 8 dell'atlante c'è una mappa dell'antica Italia. Lewis aveva sottolineato il nome di una cittadina chiamata Narnia, semplicemente perché gli piaceva il suono del nome. Narnia — o 'Narni' in italiano — è in Umbria, a metà strada tra Roma e Assisi". »
    per cui il paese e' questo, ma forse il leone e' stato un caso, sta di fatto che chi va a narni chiede poi di vedere il leone...

    RispondiElimina

Loading...