venerdì 30 novembre 2012

Siete pronte col Cuore?

Da stasera, disponibile sul sito di Cuore di Maglia, ci sarà la nuova raccolta di fantastici schemi, realizzata appositamente per Natale!
I pattern sono molto vari: dall'abbigliamento per i piccolissimi a quello per un po' più grandi, accessori lanosi per tutti i gusti.



Al libretto hanno collaborato un sacco di sferruzzatrici di ogni dove, "professioniste" e non, e questa volta ci sono anche io, con alcuni modelli inventati da me.
Sono molto felice, e anche, sì, fiera, di aver partecipato.

Perciò non lasciatevelo sfuggire, stay tuned!

(Scaricabile in formato pdf con una offerta a Cuore di Maglia)

venerdì 23 novembre 2012

Testing di nuovi modelli

Tra le svariate novità di questa mia avventura con la maglia ho adesso l'opportunità di partecipare al testing di nuovi modelli. E' arrivato anche per me il momento di cimentarmi con la prova di modelli scritti da altre knitters.

Non avevo ancora osato offrirmi come volontaria per timore di non riuscire a far fede all'impegno dato che non sono un granchè a seguire gli schemi e combino sempre qualche pasticcio.




Così ho testato questo scaldacollo creato da Isabel e che farà parte del libretto di pattern di Cuore di Maglia in preparazione per le feste natalizie, che conterrà anche alcuni modelli creati da me.





Grazie soprattutto alla chiarezza del pattern il lavoro è filato via liscio e il risultato mi sembra carino e pratico, un modello che definirei unisex.

Dovrebbe essere sufficiente un gomitolo di lana sport (50 gr. per 125 m) per lo scaldacollo, da realizzare senza cuciture con i ferri circolari del n.4.





Una buona occasione per me per imparare nuove tecniche di motivi ad intreccio.



domenica 18 novembre 2012

Gioiosamente finito!

Oggi finalmente pubblico il mio Gioiosamente iniziato sabato scorso al workshop di Emma Fassio.

In realtà è terminato già da qualche giorno ma solo oggi sono riuscita a fotografarlo, infatti me l'aveva scippato Elena per usarlo lei...

Per i bottoni mi sono accontentata di quelli economicissimi che è possibile trovare da Tiger, in attesa di averne di realizzati da me.
Il filato Kirara della Noro è bellissimo e caldissimo.




Su Ravelry potete trovare il pattern.



Ed ecco un uso alternativo del scaldacollo...io ovviamente non oserei mai indossarlo così ma ai giovani sta bene tutto!


giovedì 15 novembre 2012

Dolce intermezzo



Nella mia dispensa tengo svariati tipi di farine da quando abbiamo bandito le merendine: sì, comode, ma assolutamente ingrassanti, ed era necessario perciò trovare un'altra soluzione.
Mi sto cimentando quindi da un po' di tempo con ricette di pane dolce e muffin per fare delle merende ad Elena un po' più adatte ad una sana alimentazione.

Dopo svariati esperimenti non del tutto coronati da successo sono finalmente riuscita nell'intento.

Ho ottenuto dei panini all'uvetta morbidi, non troppo dolci ma molto appetibili, adatti a colazioni, merende e spuntini, anche con una spalmata di marmellata (o con il golfetta, come ha fatto il maritozzo!)





Perciò vi passo la ricetta, ispirata da quella di Giallo Zafferano (cui vanno i miei ringraziamenti)

Pagnottelle all'uvetta

Ingredienti
250 gr di farina ai cereali (più ce ne sono meglio è)
150 gr di farina bianca "00"
100 gr di farina manitoba
1 cubetto di lievito fresco
80 gr di zucchero semolato +1 cucchiaio
200 ml di latte parzialmente scremato
70 gr di burro a temperatura ambiente
100 gr di uvetta
2 uova intere
1 cucchiaio di zucchero
1/2 cucchiaio di sale

Procedimento
Versare le farine in una ciotola capiente,  aggiungere lo zucchero, formare la fontana e cospargere con il mezzo cucchiaio di sale.
Sbriciolare e far sciogliere il lievito nel latte tiepido insieme al cucchiaio di zucchero e lasciare riposare in luogo tiepido per 15 min. fino ad ottenere una schiuma (volendo si può utilizzare il microonde per 1 min. sulla funzione defrost).
Nel frattempo aggiungere all’impasto il burro fatto fondere e le uova e con un cucchiaio iniziare a mescolare.
A questo punto versare il latte con il lievito  e continuare a mescolare delicatamente.
Ottenuto un impasto morbido lasciare lievitare coperto in luogo tiepido almeno un'ora. Io uso il trucco di immergere la ciotola con l'impasto in una tortiera piena di acqua calda.

Una volta lievitato l'impasto aggiungere l'uvetta ammollata, asciugata ed infarinata, impastare fino ad ottenere un impasto liscio e compatto.
Con le mani infarinate, l'impasto rimarrà un po' molle e appiccicoso, dividere la pasta in pagnottelle della grandezza del palmo (si otterranno 12 pezzi), trasferirle sulla teglia ricoperta di carta forno, spennellare con il latte e un po' di zucchero e lasciare lievitare ancora almeno 1/2 ora.

Scaldare il forno a 180°. Cuocere le pagnottelle nel ripiano centrale del forno per 15 minuti o fino a cottura ultimata.



Per conservarle è possibile anche surgelarle per scongelarle poi all'occorrenza.

Buonissime!

martedì 13 novembre 2012

Un basco per ragazzine sprint!

Mi è stato chiesto di realizzare uno schema di berretto adatto a ragazzine di 10 -12 anni, sul tipo di quelli che ho già ideato con la tecnica entrelac.

Perciò è nato questo che mostro oggi. Il colore mi è piaciuto subito e mi ha ispirato questo modello con motivi in rilievo con la tecnica entrelac, coste e punto nocciolina

Il filato occorrente è della pura lana superwash merino sport , tipo la Pure Wool DK Rowan, da lavorare con i ferri circolari n. 4,5.

Mi fa da modella come al solito Elena, destinataria ultima del berretto.











In programma anche i mezzi guanti coordinati.

A breve sarà disponibile il pattern.

lunedì 12 novembre 2012

Wool Crossing, il ritorno...

Sabato 10 ho partecipato ad un altro workshop di Wool Crossing con Emma Fassio.

Sono arrivata un po' in ritardo per problemi di organizzazione familiare (Elena è andata all'uscita Scout) e Federica era ancora nel pieno della distribuzione di matasse colorate delle aspiranti sferruzzatrici.

Inutile dire che c'era il pienone, finalmente ho raggiunto una seggiola e ho iniziato a studiare uno dei tre pattern veloci proposti: io ho scelto "Gioiosamente" un collo abbottonato da eseguire con una fantastica matassa di Noro Kirara #5.

Finalmente riuscirò a sferruzzare qualcosa per me...

Ferri, Noro e Gioiosamente

Vai Fede!

Piccole knittatrici crescono, grazie Emma!

Shhhhhh, si contano le maglie

Ecco, beccata! Ma il pranzo al sacco era così buono....

E' stata una giornata bellissima e intensa, e voi cosa aspettate a venire?



venerdì 9 novembre 2012

Unite Contro Il Cancro a Milano

Contribuisco con questo post alla divulgazione delle iniziative di Unite Contro il Cancro che continua l'attività organizzando nuovi eventi a Milano





Lavorare a maglia fa bene alla ricerca! Se siete di zona partecipate!

Il libro è sempre a disposizione su Anobii anche in formato pdf.

mercoledì 7 novembre 2012

Con tutto il Cuore

Oggi, con l'autorizzazione dell'autrice Ohla pubblico il pattern per realizzare un cuore a maglia da donare.

Ovviamente come nel caso di qualsiasi pattern pubblicato gratis o in vendita ne è vietato l'uso e la diffusione a scopo di lucro e la vendita dei singoli pezzi realizzati.

[Si ringrazia Maria Grazia Martelli per il test del pattern in italiano]

TUTTO IL MIO CUORE

Gentile concessione Maria Grazia Martelli

Questo cuore è realizzato in un pezzo unico e non richiede cuciture

Materiali: filato aran o worsted, 30-35 m, 4 mm (US#6) ferri a doppia punta lana sintetica, ago da lana.

Tensione: 21 maglie e 28 ferri circa 10 cm (4″) a maglia rasata.


Misure finali: 13 x 11.5 cm (5″ x 4.5″)

Abbreviazioni:
dir = diritto
ddd = lavorare la stessa m a diritto due volte, prima nel filo davanti e poi in quello dietro (1 m aumentata)

acc = accavallata: pass 1 m a diritto, lav 1 dir, acc la m pass (1 m diminuita inclinata a Sx)

2insdir = lav 2 maglie ins a dir (1 m diminuita inclinata a Dx)

m = maglia

Avviare 4 m usando Judy’s Magic cast on, 2 m su ogni ferro.

Ferro 1: dir.
Ferro 2: ddd (8 m)
Ferro 3: (1dir, ddd, ddd, 1dir) 2 volte. (12 m)

Distribuire le maglie sui 3 ferri in questo modo: 6-3-3.

Ferro 4: (1dir, ddd, 2dir, ddd, 1dir) 2 volte. (16 m)
Ferro 5: (1dir, ddd, k4, ddd, 1dir) 2 volte. (20 m)
Ferro 6: (1dir, ddd, k6, ddd, 1dir) 2 volte. (24 m)
Ferro 7: (1dir, ddd, k8, ddd, 1dir) 2 volte. (28 m)
Ferro 8: (1dir, ddd, 10dir, ddd, 1dir) 2 volte. (32 m)
Ferro 9: (1dir, ddd, 12dir, ddd, 1dir) 2 volte. (36 m)
Ferro 10: (1dir, ddd, 14dir, ddd, 1dir) 2 volte. (40 m)
Ferro 11: dir.
Ferro 12: (1dir, ddd, 16dir, ddd, 1dir) 2 volte. (44 m)
Ferro 13: dir.
Ferro 14: (1dir, ddd, 18dir, ddd, 1dir) 2 volte. (48 m)
Ferro 15: dir.

Ferro 16: (1dir, ddd, 20dir, ddd, 1dir) 2 volte. (52 m)
Ferro 17: dir.
Ferro 18: (1dir, ddd, 22dir, ddd, 1dir) 2 volte. (56 m)
Ferro 19: dir.
Ferro 20: (1dir, ddd, 24dir, ddd, 1dir) 2 volte. (60 m)

Ferri 21-27: dir.

Ferro 28: (1dir, acc, 24dir, 2insdir, 1dir) 2 volte. (56 m)
Ferros 29-30: dir.
Ferro 31: (1dir, acc, k22, 2insdir, 1dir) 2 volte. (52 m)

Mettere 14-26 m sul primo ferro (13 m) and tutte le maglie del secondo ferro (13 m) su un filo di lana, dividere la cima del cuore in due parti, 26 m ciascuna, ridistribuire le rimanenti m su 3 ferri a doppia punta in questo modo: 9-8-9.

Ferro 32: (1dir, acc, k20, 2insdir, 1dir). (24 m)
Ferro 33: (2dir, 2insdir) 6 volte. (18 m)
Ferro 34: dir.
Ferro 35: (1dir, 2insdir) 6 volte. (12 m)
Ferro 36: 2insdir 6 volte. (6 m)

Tagliare il filo lasciando 15 cm (6″) di coda.

Con l’ago da lana cucire le maglie rimanenti e stringere strettamente.

Imbottire il cuore riempiendo la punta.

Riprendere 26 m lasciate in sospeso sul filo, distribuirle su 3 ferri a doppia punta in questo modo: 9-8-9, ricominciare a lavorare a dir dal bordo esterno. Seguire le istruzioni dal ferro 32, aggiungendo l’imbottitura man mano che il lavoro prosegue.

Raccogliere le maglie, chiudere strettamente e cucire.



Questo foto-tutorial mostra i passaggi principali.

Primo: dividere le due parti, davanti e dietro su due ferri

Poi formare la prima metà

Quindi imbottire il cuore fino alla prima metà terminate

Non esagerare con l’imbottitura in modo da mantenere la forma appuntita del cuore

Dopodiché finire la seconda parte come la prima





giovedì 1 novembre 2012

Verde Scout

Prima dell'inizio dell'autunno sono riuscita a realizzare questo maglione per Elena, che posto solo ora perchè speravo di riuscire a scriverne il pattern.

Purtroppo il pattern è rimasto a metà, in quanto il collo l'ho rifatto quattro volte finchè non è venuto come volevo io e non l'ho scritto mentre procedevo.



Si tratta di un maglioncino realizzato con le istruzioni del celebre libro della Zimmermann "Knitting without tears" con le quali è possibile "costruire" un capo su misura partendo dal fondo e tutto in un pezzo senza cuciture.

Io volevo qualcosa di prettamente sportivo e lineare e ho scelto di fare la spalla a "sella", il colore scelto è quello della divisa degli scout CNGEI.
Sono stati necessari circa 500 gr. di lana sport, ferri 4-4,5 mm.



Dopo aver fatto il campione sono partita avviando le maglie del bordo inferiore, realizzato a coste 1/1, procedendo poi a maglia rasata per la lunghezza necessaria.

Si lasciano quindi in sospeso le maglie per il sotto manica e con l'avvio provvisorio si aggiungono le maglie per le maniche.




 A questo punto si lavorano 5-6 ferri senza diminuzioni







Si incomincia a sagomare la spalla diminuendo prima le maglie del busto, poi la mglie della manica e poi nuovamente  quelle del busto, ottenendo un motivo a "S"



Per chiudere lo scollo si lavora singolarmente ogni spalla per pochi ferri e contemporaneamente coi ferri accorciati si sagoma la parte anteriore della scollatura.

Si rimuove l'avvio provvisorio e si raccolgono tutte le maglie lasciate in sospeso. Si lavorano le maniche diminuendo di 2 maglie ogni 10 ferri, sempre in corrispondenza del sottomanica.

Questo modo di lavorare un maglione mi ha dato molte soddisfazioni: apparentemente complicato è invece molto pratico in quanto consente di provare i progressi in tempo reale sul soggetto "destinatario" e alla fine non c'è niente da cucire. Il capo è pronto da indossare!
Loading...